VanityGen

Indirizzi Bitcoin PersonalizzatiVanityGen è un software gratuito e open source che può essere utilizzato per generare indirizzi bitcoin personalizzati o custom, nei quali cioé una parte dell’indirizzo contiene il testo prescelto. Ovviamente, oltre all’indirizzo bitcoin verrà generata anche la corrispondente chiave privata, che potrà essere utilizzata direttamente o più comodamente essere inserita in un wallet, online o locale. Ad esempio, l’indirizzo 1PaoLoVGHt1M2PQjj3uQkqoYULPKh21zRR contiene il nome “Paolo” (la lettera ‘l’ minuscola non si può usare negli indirizzi bitcoin, così come la ‘O’ maiuscola) e la corrispondente chiave privata è 5KFJDX8snGouAirtJZ4CKs8Y4HLUfBb4gCAoJR4jD1WNDofC6G5.

E’ disponibile anche una versione online del tool VanityGen ma ne sconsigliamo l’utilizzo per diversi motivi, tra i quali il fatto che ricevendo la chiave privata da un sito internet si ha la certezza di non essere i soli ad averla, anche se i gestori del sito dichiarano di cancellarla dopo la generazione. Il vantaggio della versione online è che permette di generare indirizzi contenenti fino a 9 caratteri ed è gratuito se ci si limita a 6 caratteri (o 5 se si vuole distinguere tra maiuscole e minuscole).

Vanitygen - Indirizzi Bitcoin personalizzati

 

In ogni caso, consigliamo di utilizzare esclusivamente la versione software scaricabile e utilizzabile sul proprio PC, anche sconnesso dalla rete. Anzi, sarebbe sconsigliabile anche utilizzare più volte lo stesso indirizzo Bitcoin, motivo per il quale gli indirizzi personalizzati sono già di per sé un’anomalia, ma in alcuni casi possono comunque – con gli opportuni accorgimenti – essere utili.

Com’è noto, gli indirizzi bitcoin non possono essere generati arbitrariamente, è necessario partire da una chiave privata di 256 bit generata causalmente, ricavare a partire da essa tramite algoritmo ECDSA una chiave pubblica e da lì ottenere un indirizzo mediante questo procedimento. L’indirizzo dipenderà quindi esclusivamente dalla chiave privata prescelta, non sarà possibile sceglierlo a prescindere. Per questo motivo, il software VanityGen non fa altro che generare chiavi private a raffica, verificando se la parte iniziale dell’indirizzo bitcoin corrispondente contiene la parola prescelta.

Il codice sorgente del software è scaricabile da questo link su Github.

Sempre suGithub è disponibile una versione precompilata per Windows in versione 32 e 64 bit, in grado di utilizzare anche il processore GPU della scheda grafica per velocizzare la generazione degli pseudonimi bitcoin.

Per chi volesse eseguire VanityGen su Mac OS, è possibile compilare il sorgente dopo aver installato i pacchetti “pcre” e “pcrexx” (chi utilizza macports non ha che da lanciare “port install pcre pcrexx”). Altro piccolo accorgimento per compilare VanityGen su Mac OS, aprire il file “pattern.c” e sostituire “#include <pcre.h>” con “#include “/opt/local/include/pcre.h“.

Su Linux, per compilare VanityGen e generare indirizzi bitcoin è necessario avere installato il pacchetto “libpcre3-dev”. Su Debian e Ubuntu basta digiare il comando “apt-get install libpcre3-dev” da root e il pacchetto verrà automaticamente installato.

Una volta compilato il software (o scaricato il binario, nel caso di Windows) potrete lanciarlo senza parametri per visualizzare le possibili impostazioni da linea di comando.

Vanitygen 0.22 (OpenSSL 1.0.1c 10 May 2012)
Usage: vanitygen64.exe [-vqrikNT] [-t <threads>] [-f <filename>|-] [<pattern>…
]
Generates a bitcoin receiving address matching <pattern>, and outputs the
address and associated private key. The private key may be stored in a safe
location or imported into a bitcoin client to spend any balance received on
the address.
By default, <pattern> is interpreted as an exact prefix.

Options:
-v Verbose output
-q Quiet output
-r Use regular expression match instead of prefix
(Feasibility of expression is not checked)
-i Case-insensitive prefix search
-k Keep pattern and continue search after finding a match
-N Generate namecoin address
-T Generate bitcoin testnet address
-X <version> Generate address with the given version
-F <format> Generate address with the given format (pubkey or script)
-P <pubkey> Specify base public key for piecewise key generation
-e Encrypt private keys, prompt for password
-E <password> Encrypt private keys with <password> (UNSAFE)
-t <threads> Set number of worker threads (Default: number of CPUs)
-f <file> File containing list of patterns, one per line
(Use “-” as the file name for stdin)
-o <file> Write pattern matches to <file>
-s <file> Seed random number generator from <file>

Si potrà quindi semplicemente lanciare il comando con il testo prescelto preceduto dal numero “1” (che indica un indirizzo della rete standard bitcoin):

vanitygen 1PaoLo
Difficulty: 259627881
Pattern: 1PaoLo
Address: 1PaoLobzSwbXbRPN77tqtTKPBAgMR8jp1B
Privkey: 5KVYvi7az4xKei65vtW11orYWByuLSC8bzbh2ZQT3pwVUjyziea

Con il parametro “-i” rendiamo la ricerca case-insensitive, cioé non ci interessa se le lettere sono maiuscole o minuscole, basta che ci siano (questo dimezza i tempi di generazione dell’indirizzo bitcoin). Possiamo persino impostare un’espressione regolare tramite il parametro “-r” invece di un prefisso testuale da inserire nell’indirizzo bitcoin, o ancora modificare il seed del generatore di numeri casuali tramite il parametro “-s” selezionando un file a nostro piacimento.

Per importare in un wallet la chiave privata bitcoin generata tramite VanityGen sono disponibili istruzioni con i wallet più comuni, come Blockchain.info, Bitcoin-QT, Multibit o Electrum.

Incoming search terms:

  • www bitcoinforensics it
  • anything

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *