Cryptsy offre ricompensa per il recupero dei bitcoin rubati

By | 14 marzo 2016

Cryptsy e il recupero dei bitcoin rubatiCryptsy ha appena pubblicato il contratto [WBM] con il quale offre una ricompensa di 1.750 bitcoin (circa 650.000 euro al cambio attuale) all’anonimo “cryptcracker” che recupererà i 13.000 bitcoin e i 300.000 litecoin rubati a gennaio 2016 [WBM] dallo pseudonimo Lucky7Coin tramite l’utilizzo di un trojan.

Il contratto di recupero dei bitcoin rubati, firmato dal CEO di Cryptsy Paul Vernon, prevede che la somma recuperata venga versata sull’indirizzo bitcoin 1Mr4WJMQCXs9WtvHTwafQnXbtSXCMc9eSr e, entro tre ore dal versamento, Cryptsy verserà 1750 Bitcoin o il  %13.46154 della somma recuperata all’indirizzo 1H9utcaSkwstmP4qFgoE3HyBjkM1oeFTLK.

L’anonimo “Cryptcracker” ha chiesto di non fornire le proprie generalità ma ha depositato la sua chiave pubblica PGP e un messaggio firmato e cifrato contenente la sua identità, nome, cognome, data e luogo di nascita.

Non resta che monitorare i due indirizzi per rimanere aggiornati in tempo reale sul recupero dei bitcoin sottratti durante il furto di bitcoin avvenuto a gennaio 2016 e sulla cifra esatta che verrà versata all’autore del recupero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *