Bitcoin, la Grecia e Google Trends

By | 3 luglio 2015

Bitcoin Forensics e la GreciaNon si tratta propriamente di bitcoin forensics, pur rappresentando certamente la possibilità di un aumento d’interesse verso la forensics dei bitcoin in ottica futura. La Grecia sta cominciando ad avere problemi con i servizi di pagamento tradizionali e i greci stanno avvicinandosi all’alternativa delle criptovalute, in particolare al Bitcoin. Mentre qui in Italia è scoppiata una nuova ondata di Cryptolocker – il ransomware che cripta i documenti e chiede il riscatto – diverse testate autorevoli stanno approfondendo il legame in rapida ascesa tra la Grecia e i bitcoin. Dall’Italia questo interesse si percepisce soltanto per sentito dire, ma possiamo averne una conferma consultando personalmente le statistiche di ricerca del termine “bitcoin” su Google Trends, rimasto costante ovunque tranne… in Grecia.

Google Trends è il servizio di Google che fornisce le statistiche sulle tendenze di ricerca su keyword dettagliando il tutto per intervallo di tempo e località. Se proviamo quindi a visualizzare le tendenze (“trends”) per il termine “bitcoin”, selezionando il 2015 e la località “Grecia”, osserviamo come la scala stia esplodendo proprio nei primi giorni di luglio 2015. Interessante osservare che c’è stato un picco anomalo – passato inosservato – già nella settimana tra il 17 e il 23 maggio 2015, guarda caso quando il ministero delle Finanze tedesco via Twitter smentiva per la Grecia la possibilità di una valuta parallela.

Bitcoin, Grecia e Google Trends

Fare attività di OSINT tramite Google Trends è piuttosto semplice: aggiungendo al grafico anche altri Stati campione, come Italia, Francia, Germania e Regno Unito (avremmo potuto aggiungerne centinaia ma Google Trends ne ammette soltanto cinque) ci accorgiamo che questa tendenza è unica rispetto agli altri paesi.

Tendenza di ricerca di "bitcoin" in Grecis

Google specifica che “I numeri rappresentano gli interessi di ricerca rispetto al punto più alto del grafico. Se il 10% massimo delle ricerche per una regione e un periodo di tempo determinati riguardasse il termine “pizza”, verrebbe attribuito il valore 100. Questo valore non corrisponde al volume di ricerca assoluto.“. Questo significa che i valori numerici non indicano cifre assolute, ma un rapporto relativo nel tempo e tra le varie discriminanti (es. le località) selezionate.

Bitcoin in Grecia

Se guardiamo i numeri, spostandoci sul grafo con il mouse, ci accorgiamo infatti che il plafond dei valori lo sta stabilendo, in questi ultimi giorni, proprio la Grecia con un “100”. Sarà interessante osservare nei prossimi giorni se la tendenza è in aumento e il divario con gli altri stati si farà ancora più ampio.

Se i Greci si rifugeranno nei bitcoin e nelle criptovalute, la bitcoin forensics e la bitcoin intelligence diventeranno sempre più importanti e chissà, magari il protocollo Bitcoin aumenterà ulteriormente la sua diffusione e l’interesse che desta nel mondo bancario ma non solo. Per ora, dal punto di vista dell’andamento dei prezzi, conseguenze ancora non se ne sono viste. Il valore di scambio dei bitcoin a Giugno 2015 aveva abbozzato una leggera tendenza in salita ma sembra in modo indipendente (e alcune settimane prima) dell’appesantirsi della crisi finanziaria in Grecia.

Prezzo in USD dei Bitcoin a Giugno 2015

Non sappiamo come evolverà il fenomeno ma intanto Thanos Marinos, il fondatore dell’exchange greco BTCGreece, dichiara che “la richiesta di bitcoin in Grecia nelle ultime settimane è salita del 400% e le registrazioni al sito di acquisto bitcoin del 600%“.

BTCGreece
Qui di seguito il link per accedere direttamente alla tendenza di ricerca sul termine “bitcoin” presso Google Trends nell’arco del 2015 in Grecia, Italia, Francia, Germania e Regno Unito. Potete passare il mouse sulle linee per visualizzare i dettagli dei rapporti di ricerca per paese nelle settimane del 2015 o visualizzare il rapporto completo in Google Trends. Considerate che ovviamente il grafico qui sotto – essendo un link dinamico a Google Trends – si aggiornerà rispetto alle screenshot riportate sopra, ferme al 3 luglio 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *