Blockchain.info rimuove la funzione di taint analysis?

By | 6 febbraio 2017

This post is also available in: English (Inglese)

Non ci sono comunicazioni ufficiali né informazioni a riguardo nei forum ma, osservando un qualunque indirizzo Bitcoin sul block explorer Blockchain.info, si nota la mancanza del menù della taint analysis. Da anni uno dei pochi servizi dedicati alla bitcoin forensics e intelligence che permette(va) di verificare il collegamento anche indiretto tra due indirizzi Bitcoin, utilizzato ad esempio per verificare la tracciabilità dei servizi di mixing/tumbling e money laundering o l’anonimato delle transazioni tra indirizzi Bitcoin.

Così appariva l’indirizzo Bitcoin con i fondi sequestrati a Silk Road a dicembre dell’anno scorso, evidenziamo in rosso la funzione Taint Analysis presente nella sezione Tools:

Così si presenta la stessa pagina oggi, si nota chiaramente la mancanza del link “Taint Analysis” nella sezione “Tools”:

La funzionalità di Taint Analysis di Blockchain.info non è mai stata molto chiara, se n’è parlato più in forum come BitcoinTalk o su reddit che sul sito blockchain.info stesso. Anche i tentativi di mettersi in contatto con gli sviluppatori per avere maggiori informazioni non hanno mai avuto successo, il che ha fatto sì che ognuno interpretasse la taint analysis sul protocollo Bitcoin con accezioni leggermente diverse ma certamente interessanti

Così defini(va) Blockchain.info la taint analysis delle transazioni in ingresso “Received (Origin) Taint” o semplicemente “Taint Analysis”:

Taint Analysis
Taint is the % of funds received by an address that can be traced back to another address.
This pages shows the addresses which have sent bitcoins to 1F1tAaz5x1HUXrCNLbtMDqcw6o5GNn4xqX. The data can be used to evaluate the anonymity provided by a mixing service. For example Send Coins from Address A to a Mixing service then withdraw to address B. If you can find Address A on the taint list of Address B then the mixing service has not sufficiently severed the link between your addresses. The more “taint” the stronger the link that remains.

Per la taint analysis delle transazioni in uscita “Sent (Reversed) Taint”  o “Forward Taint Analysis” il sito Blockchain.info riporta(va) invece questa definizione:

Forward Taint Analysis
Reversed Taint is the % of funds sent from an address which passed through another address.
This page shows the addresses which have received bitcoins from 1F1tAaz5x1HUXrCNLbtMDqcw6o5GNn4xqX. The greater the taint the stronger the link between the addresses.

In realtà, nonostante sia scomparso il menù della Taint Analysis da Blockchain.info, rimane la possibilità di accedere alla funzione tramite URL diretta, inserendo l’indirizzo Bitcoin di cui si vuole ricavare la taint in ricezione o in invio dopo l’indirizzo “https://blockchain.info/taint/“. Possiamo quindi visionare la Taint Analysis dell’indirizzo mostrato sopra accedendo, quindi, al seguente link: https://blockchain.info/taint/1F1tAaz5x1HUXrCNLbtMDqcw6o5GNn4xqX.

La pagina che si ottiene sembra essere la taint corretta ma incompleta, talvolta non aggiornata… basti osservare la taint analysis delle incoming transactions dell’indirizzo dei Silk Road Seized Coins che pur avendo ricevuto centinaia di transazioni in ingresso  contiene soltanto una manciata di indirizzi. Basta provare con indirizzi a campione e si verifica come manchino dalla taint analysis, sia diretta sia inversa.

Anche quando la taint analysis di Blockchain.info funzionava, aveva comunque delle caratteristiche che facevano pensare che prima o poi sarebbe stata rimossa, come ad esempio il fatto che in diversi casi era comunque inattendibile, comportava un certo peso computazionale per il server e traffico dovuto al fatto che ogni indirizzo è collegato indirettamente anche a migliaia di indirizzi generando quindi pagine di taint molto lunghe.

Vedremo se il servizio tornerà attivo oppure – vista ormai la complessità dei calcoli necessari per elencare gli indirizzi correlati – Blockchain.info ha deciso di rimuovere questa feature dal suo block explorer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *